Cos’è l’Eiaculazione precoce?

14
10
2013

Le idee e definizioni sono tante, ad esempio per gli studiosi si parla di Eiaculazione precoce:

  • se si eiacula prima di quando lo si ritiene opportuno;
  • quando si eiacula prima dei 2 minuti;
  • se non si raggiungono le 15 spinte pelviche;
  • se la durata del rapporto non è sufficiente a far raggiungere l’orgasmo alla compagna.Dal punto di vista dell’ “eiaculatore precoce” si tratta invece di mancanza di controllo sull’eiaculazione, ovvero di incapacità di gestire il momento in cui eiaculare.
    Tale difficoltà è associata a sentimenti di inadeguatezza, ansia, sconforto, vergogna e imbarazzo.Eiaculazione Precoce è l’etichetta diagnostica utilizzata per individuare una serie di situazioni a diversa eziologia e a diversa fenomenologia, che vanno dalla cosiddetta eiaculazione ante portam (prima della penetrazione) al coito di durata insufficiente a permettere la soddisfazione sessuale femminile.

Questo problema sessuale coinvolge inevitabilmente la sfera relazionale e affettiva della persona in un circuito del tipo “cane che si morde la coda” in cui lo scarso controllo eiaculatorio mina gli aspetti emotivi e/o relazionali della coppia e questi, a loro volta, insidiano la capacità di controllare l’eiaculazione.

Ufficialmente l’Eiaculazione precoce viene fatta rientrare nei disturbi della sessualità maschile (DSM IV) ed è definita come:

  • A. persistente o ricorrente: eiaculazione a seguito di minima stimolazione sessuale prima, durante o poco dopo la penetrazione e prima che il soggetto lo desideri. Il medico deve tenere conto dei fattori che influenzano la durata della fase di eccitazione, come l’età, la novità del partner sessuale e della situazione e la frequenza recente dell’attività sessuale;
  • B. l’anomalia causa notevole disagio o difficoltà interpersonali;
  • C. l’eiaculazione precoce non è dovuta esclusivamente agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (p.e., astinenza da oppiacei).

L’Eiaculazione precoce non può essere considerata una malattia. Ma può avere delle cause fisiche, in questo caso è la conseguenza di una malattia. Rivolgendocisi ad un medico si possono escludere le cause fisiche.

Rientra nei quadri descritti nei manuali medici e psicologici sotto la voce dei disturbi della sessualità quindi gli esperti in materia sono i professionisti del sistema sanitario.

Curare” questo disturbo della sfera sessuale con dei farmaci è un approccio sbagliato poiché l’incapacità di controllare l’eiaculazione non è né un virus né un batterio.

La rapidità del riflesso eiaculatorio è comune in tutto il mondo ma la sua problematizzazione è frutto del modo di pensare della nostra società.

Si può imparare ad avere un maggior controllo sulla propria eiaculazione cambiando il modo di pensare e imparando a conoscere il proprio corpo.

A tale scopo nasce un programma per il cambiamento permanente come “Eiaculazione Felice“.

In altri casi, quando si vuole una soluzione che funzioni subito, un’idea può essere l’utilizzo dei preservativi ritardanti, una vasta gamma la si trova su “Comodo.it”.

Se vuoi conoscere tutti i segreti del piacere femminile, clicca qui e non farti scappare questa fantastica offerta…